Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza
e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner,
scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti
all’uso dei cookie.

2° Istituto Superiore "A-Ruiz"

Via Catania 83 - 96011 Augusta (SR) - Tel. 0931991894 - E-mail: sris009004@istruzione.it - PEC: SRIS009004@pec.istruzione.it

Font Size

SCREEN

Layout

Menu Style

Cpanel
Filtro
  • IL PRIMO OPEN DAY DEL RUIZ: UN EVENTO DI SUCCESSO

    Mercoledì 19 dicembre  dalle ore 16.00  si è svolto il primo appuntamento con gli Open Days della nostra scuola, che ha visto una grande partecipazione di studenti delle scuole medie  e dei  loro genitori. Dopo  un primo momento  in Aula Magna di presentazione della scuola  da parte della Dirigente Scolastica, prof.ssa Maria Concetta Castorina,  della vicaria Anna Belluso e dei docenti Stefania Anfuso, Tiziana Coppola, Valeria Polopoli e Angelo Santacroce, la specificità delle quattro articolazioni del Ruiz , l’Istituto Tecnico Settore Tecnologico, l’Istituto Tecnico Settore Economico, il Liceo delle Scienze Applicate e il nuovo Liceo quadriennale delle Scienze Applicate,  è emersa nella seconda parte dell’evento.
    Una  vera e propria full immersion nell’offerta formativa che la scuola propone attraverso laboratori, estemporanee d’arte, rappresentazioni teatrali, realizzati dal vivo dai bravissimi alunni del Ruiz. (VEDI GALLERY)


     

  • Prima giornata del torneo regionale di Baskin



    FESTA DI SPORT ED INCLUSIONE

    Prima giornata del torneo regionale di Baskin

    Si è svolta sabato 15 dicembre presso la palestra del Ruiz la prima giornata del campionato regionale di Baskin, che ha visto competere le squadre di Messina, Avola, Noto e Augusta, quest’ultima rappresentata da due formazioni, il Ruiz Augusta e l'Olimpia Augusta.
    È stata una giornata intensa, piena di sport, di azioni e di emozioni, uno strepitoso successo di una manifestazione voluta fortemente dal comitato regionale di Baskin capitanato da Giuseppe Battaglia, Vincenzo Spadaro e Marco Vaccarella.
    Infatti nel Baskin, vocabolo nato dall’unione di Basket ed Integrazione, sport ed inclusione viaggiano di pari passo, permettendo a normodotati e diversamente abili di giocare insieme nel rispetto delle capacità di ognuno.
    Grande prestazione della giovanissima squadra del Ruiz Augusta, che ha giocato senza timori contro squadre più esperte. È stato un tripudio di abbracci sorrisi e lacrime di gioia e di tristezza, che ha visto vittoriose le squadre di Noto, Messina.
    Nell’ultima partita il Ruiz Augusta contro i Super abili di Avola è stata altalenante e piena di emozioni, soprattutto quando a 3 secondi dalla fine il capitano del Ruiz Quartarone Giovanni consegna la palla al pivot Giorgia Mandolfo, che, come diceva De Gregori non ha paura di sbagliare e fa canestro regalando la vittoria al Ruiz  Augusta. Visibilmente emozionati i coach e i dirigenti del Ruiz, Naro Claudia, Traina Pasquale e Costa Giuseppe, che hanno ringraziato la Dirigente dell’IIS Ruiz ,professoressa Maria Concetta Castorina, per la disponibilità dimostrata,  affermando che il Baskin è l’unico luogo dove i ragazzi normali diventano speciali ed i ragazzi speciali diventano normali.
    La  prossima tappa del torneo regionale di Baskin è prevista domenica 13 Gennaio 2019 a Siracusa, dove si completerà la classifica finale; le prime 4 squadre si sfideranno poi a Messina nelle Final four che permetteranno alla vincitrice di partecipare al campionato nazionale di Baskin.
     La squadra del Ruiz è composta da: Blancato Dario, Carboni Alessandro, Mandolfo Giorgia, Scala Francesca, Baffo Marco, Carastro Giulia, La Torre Andrea, Romeo Marco, Bertoni Andrea, Carbonaro Giuseppe, Cipriani Barbara, Manservigi Lorenzo , Marino Marco, Spinali Francesco, Quartarone Giovanni (Capitano), Silvestro Alessandro, Silvestro Sara , Spinali Roberto, Salamone Andrea.
    Coach: Costa Giuseppe, Naro Claudia, Traina Pasquale


     

  • PROGETTO ERASMUS "UNIS POUR L'EMPLOI EUROPEEN

     

    Primo meeting del progetto ERASMUS "Unis pour l'emploi Europeen " per 5 alunni dell' Istututo Arangio Ruiz accompagnati dai docenti Paola Moroni e Paolo Trigilio ad Aix en Provence.
    Il percorso, che si svolgerà in due anni, prevede la formazione di team di alunni provenienti da cinque nazioni: Italia, Francia, Portogallo, Spagna e Irlanda. I gruppi di studenti lavoreranno in presenza e sulla piattaforma eTwinning.


     

  • Buone feste


     

  • Video 2018


     

  • IL RUIZ E IL CASO ELIGIA

    In data 26 Novembre 2018, le classi 5BF e 5BT, accompagnati dalla docente Lisi Giuseppina, hanno assistito, presso il tribunale di Siracusa, ad un'udienza della Corte d'Assise relativa al "Caso Eligia Ardita", uccisa all'ottavo mese di gravidanza per mano del marito. L'Istituto Arangio Ruiz , nell'ambito del progetto "Legalità", ha seguito l'evolversi del processo fin dalle prime battute. È stato presente anche nella penultima udienza, dove ha assistito alla riga della difesa e all'ultima udienza, il 5 Dicembre, per prendere atto della sentenza finale. Essa ha stabilito l'ergastolo nei confronti del marito Cristian Leonardi, unico soggetto inquisito.
     Grazie a questa esperienza abbiamo acquisito dal vivo il significato garantista dall'art.27 della Costituzione che iconosce il diritto della difesa anche nei confronti di un omicida. Inoltre vedere dal vivo un processo di femminicidio, con i familiari della vittima presenti e addolorati, ci ha fatto riflettere ancora di più sulla tragicità di questi eventi.


     

  • " SYRAKOUSAI 212 a.C "



     
     
    Sabato 15 Dicembre, "Il peso dell’oro" di Barbara Bellomo ha conquistato gli studenti del Ruiz.

    Nell' ambito del Progetto "Autori a scuola", gli studenti del nostro Istituto, sabato 15 dicembre, si sono recati in Aula Magna ed hanno partecipato alla presentazione dell’ultimo romanzo della trilogia  della prof.ssa Barbara Bellomo, scrittrice e studiosa di Storia Romana .
    "Il peso dell’oro" è un romanzo storico e anche un giallo intrigante che mostra due livelli narrativi in movimento tra passato e presente. I dialoghi appaiono collocati in una dimensione spazio-temporale ben definita, tanto che il lettore riesce ad entrare nella storia in modo naturale. Il personaggio principale è ancora l’archeologa Isabella De Clio, questa volta alle prese con il ritrovamento della corona d’oro di Archimede; sullo sfondo una Siracusa antica del 212 a.C., durante l’assedio dei romani alla città greca nel periodo della tirannia di Gerone II. Al centro si trova la Sicilia,  il suo patrimonio culturale e paesaggistico, le sue bellezze  storiche dei  territori  di Catania, Siracusa, Avola ed Augusta. L'oggetto da ritrovare è la corona d’oro: la corona che Gerone II diede ad Archimede perché la analizzasse e scoprisse se l’orafo aveva aggiunto altri metalli , nella composizione della corona , ingannando il tiranno. L’incipit del libro è rappresentato dalla morte della studiosa Coline Dubois, che anticipa la scena del crimine, e dalla recente scoperta dei papiri di Archimede nascosti nel codex rescriptus di età medievale, ritenuto per molto tempo solo un libro di preghiere. Isabella si troverà cosi’ a districare un intreccio che interseca passato e presente: da un lato il famoso scienziato impegnato alla difesa di Siracusa sotto l’assedio dei Romani, guidati dal Console Marcello, dall’altro un tesoro dal valore inestimabile.
    Alle 8:30 l’arrivo della scrittrice nel nostro Istituto e l’apertura dei lavori, poco dopo  il saluto della Dirigente Scolastica, prof.ssa Maria Concetta Castorina che ha ricordato il ruolo fondamentale  della Scuola per stimolare al piacere della lettura.
    La prof.ssa Bellomo ha ringraziato per l'invito ricevuto ed ha affermato di essere sorpresa per il numero di studenti intervenuti e per l’incantevole scenografia che ha ricreato attentamente l’ambientazione del romanzo.
    L'evento è iniziato con la presentazione di una breve biografia della scrittrice che ha all'attivo diverse pubblicazioni di Storia Romana, come ricercatrice presso l'Università di Catania , oltre ai  romanzi , " La ladra di ricordi” e “ Il terzo relitto”, i primi due della trilogia.
    L'incontro è proseguito con la teatralizzazione di alcuni dialoghi del testo accompagnata  dall’alternarsi delle voci narranti; grazioso è stato, inoltre,  l’ingresso delle vallette che presentavano, con dei cartelloni,  il periodo storico.
    L’incontro con la scrittrice ha spinto i nostri studenti ad  una serie di riflessioni da cui sono scaturite delle domande alle quali sembravano desiderosi di avere risposte,  dimostrando così uno splendido coinvolgimento.
    Le musiche hanno meravigliosamente animato la rappresentazione, conciliando armonicamente narrazione  e suono. 
    La rivelazione finale è stata la presentazione del libro della nostra studentessa Martina Ranno.
    La giovane scrittrice ha composto un lungo racconto  dal titolo “Il caso Alice”: è la storia di Alice , studentessa di liceo, che sparisce all’improvviso lasciando degli indizi ai suoi amici, i quali, improvvisandosi detective ,  avranno “un caso da risolvere”.
    “Ho iniziato a scrivere per diversi motivi, troppi se ne analizzo la natura. Ho cominciato questa storia perché chi come me ha tanto dentro e troppo poca fiducia in se stesso lascia turbinare dentro di sè una folla di emozioni e di sentimenti tali da originare poi idee che diventano emozioni personificate ed infine personaggi”. Queste le meravigliose parole di Martina, un prezioso gioiello della nostra scuola, una  straordinaria creatura del “pianeta” Ruiz.
    La scuola ha parlato alla mente e al cuore dei ragazzi, ha liberato  l'energia dei giovani , quella stessa energia che è  la forza propulsiva che loro  dimostrano. (VEDI GALLERY)
    Prof.ssa Gaetana Rizzotti
  • TOURISM AND NEW TECHNOLOGIES

    AL RUIZ CONCLUSO  PROGETTO FORMATIVO

    “TOURISM AND NEW TECHNOLOGIES”

    Quattro intense settimane in Slovenia. Questo è quello che hanno vissuto quindici splendidi studenti dell’Istituto Arangio Ruiz. Fin dal primo giorno si sono messi in gioco totalmente, dando talvolta anche più del 100% di loro stessi nell’affrontare una realtà completamente diversa da quella alla quale sono abituati di solito.
    Nonostante la Slovenia possa sembrare un paese “della porta accanto”, si è rilevata in realtà una terra di tradizioni e costumi completamente diversa dall’Italia e non semplice da comprendere. E’ terra verde, e gli Sloveni ne vanno fieri preservando il loro territorio con un estremo senso civico comunemente presente in tutta la popolazione, indipendentemente dalla differenza di età.
    Gli studenti hanno avuto la possibilità di esplorare il territorio di questo Paese, considerato un po’ la Svizzera dell’Est Europa, viaggiando seguiti sempre da una guida esperta, da Capodistria a Lubiana passando per Caporetto, le grotte di Postumia, per arrivare fin nel mezzo del paesaggio alpino alla scoperta dei laghi di Bled e Bohinj.
    Il progetto PON “Tourism and new technologies” intrapreso dai ragazzi ha dato loro la possibilità non solo di apprendere strumenti teorici, bensì li ha messi alla prova giornalmente sui più fronti, permettendo loro di agire in prima persona per poi andare a razionalizzare ciò che naturalmente avevano appreso durante l’esperienza pratica.
    Questo tipo di apprendimento, utilizzato dei processi di aggiornamento e crescita costante e continua nel mondo del lavoro, è definito “Action Learning” e presenta notevoli vantaggi in termini di risultati e ritenzione delle informazioni a lungo termine rispetto ad un apprendimento lineare classico.   Di mattina, per venti intensi giorni di studio pratico, gli studenti affrontavano la parte teorica guidati da abili docenti, con tecniche di lettura veloce e mappe mentali per aumentare l’efficacia delle capacità di studio e la risoluzione dei problemi;  mentre il pomeriggio venivano messe in pratica le strategie di comunicazione, basate sui principi delle moderne neuroscienze, apprese con esercitazioni svolte anche al di fuori dell’aula stessa.
    Le giornate dedicate interamente al Team building hanno permesso loro di creare spirito di squadra, aggregazione, affiatamento e un senso di coesione ed unità come non mai. Dopo quasi un mese di viaggio alla scoperta di se stessi in Slovenia i ragazzi hanno ottenuto una crescita e uno sviluppo personale che traspare chiaramente dalle loro parole ed è possibile toccare con mano ascoltando i racconti delle loro avventure direttamente dalla loro voce.
    Chiedetegli di più, siate curiosi, fatevi raccontare cosa vi aspetta dopo la scuola.
    In bocca al lupo a tutti, e alla prossima avventura!


     

  • Le quinte classi del Ruiz a OrientaSicilia

    Martedì 4 dicembre  gli studenti delle classi quinte del nostro Istituto  hanno visitato  la prima edizione  di “Orienta Sicilia“  2018  presso il Centro fieristico “Le Ciminiere“  di Catania. L’iniziativa, inserita tra le attività di Orientamento previste nel piano dell’offerta formativa, ha visto la quasi totale partecipazione degli allievi che, in questo modo, hanno potuto informarsi sulle offerte universitarie e lavorative, per affrontare con maggiore consapevolezza la difficile scelta post diploma.
    Infatti  Orienta Sicilia  è  una  Fiera delle Università e dei Mestieri, organizzata dall’Associazione ASTER   e realizzata con il patrocinio  del Presidente e  del Parlamento della Repubblica e della  Regione Siciliana. Tra gli stand più affollati, oltre ai principali atenei italiani ed esteri, anche   la Presidenza del Consiglio dei Ministri   che ha presentato gli obiettivi del  Servizio Civile  Nazionale; l’Agenzia delle Entrate con il progetto “Fisco e Scuola” per diffondere la cultura contributiva all’interno delle scuole; i Carabinieri, l’Esercito Italiano, la Polizia di Stato e la Guardia di Finanza per i ragazzi che vogliono intraprendere la carriera militare. Inoltre gli studenti hanno potuto  cimentarsi  nelle prove simulate dei test di ammissione alle facoltà a numero chiuso o frequentare workshop sul futuro del mondo del lavoro.


     

  • Il Ruiz al 55^ Convegno Internazionale di Studi Pirandelliani

    Tre studenti del Ruiz, Benedetta La Ferla, Anna Di franco e Tommaso Anastasi, hanno partecipato, accompagnati dalla docente Tania Rizzotti,  al 55^ convegno internazionale di studi pirandelliani che si è svolto in Agrigento, città natale dello scrittore, dall’ 1 al 3 dicembre. La tre giorni agrigentina ha visto una nutrita kermesse di interventi internazionali, da Roberto Tessari  a Roberto Alonge, da  Corrado Pelligra a Sara Zappulla Muscarà, Rino Caputo, Paolo Puppa e a molti  altri relatori, italiani e stranieri .
    Argomento del convegno: “Vita ed arte nelle lettere di Pirandello”, arte che nasce come momento di spontaneità e che accoglie i germi della vita dove lo scrittore sente nascere il personaggio .
    L’Epistolario di Pirandello rappresenta un insieme di documenti autobiografici dove lo spazio dell’epistola è luogo per scrivere “a tempesta”. Particolarmente interessante è stato l’intervento del prof.re Roberto Alonge soprattutto quando ha parlato delle lettere a Marta Abba, in cui Pirandello dichiara “la cattiva gioventù“ che perseguitava l’autore, come trasgressione e realizzazione della trasgressione stessa.
    Pirandello aveva 63 anni e Marta Abba 24, in 1400 pagine, per una storia durata 11 anni, l’autore racconta il fallimento del rapporto carnale e la sublimazione dell‘amore asimmetrico. La lettera acquista una funzione ermeneutica, poetica ed etica, diviene “Il luogo che contiene una verità superiore”; gioco di uso e profonda capacità di scrittura.
    Meritevole di menzione, altresì, il parallelismo con H. Ibsen. Nel romanzo “Il costruttore Solness”, l’autore delinea la figura di quell’uomo che vorrebbe fermare l’inesorabile scorrere degli anni ed avere una nuova occasione di felicità; il vecchio Solness, come il Pirandello delle epistole a Marta Abba, teme di essere soppiantato dai giovani fino ad essere spinto sull ‘orlo del precipizio ma la giovane Hilde gli offrirà un possibile riscatto.
    Nel pomeriggio della prima giornata gli studenti hanno svolto la prova di scrittura creativa sul tema “la lettera di Pirandello alla figlia Lietta”, dopo la partenza della figlia per il Cile nel 1922.
    Non sono mancati, inoltre, momenti di distensione con l’escursione ai luoghi pirandelliani e la visita alla Valle dei Templi, oltre la visione dei cortometraggi realizzati dalle scuole.
    L’ultima giornata è stata arricchita dalla performance del prof. re Paolo Puppa che si è esibito nella drammatizzazione delle lettere di Pirandello al figlio Stefano dal titolo “Stenu’”; a seguire il momento della premiazione e la consegna delle targhe per i cortometraggi.
    Il convegno di studi pirandelliani ha offerto agli studenti un’esperienza ricca di stimoli culturali, un esercizio che ha mescolato la caratteristica passionale della sicilianità con un fenomeno tutto attuale , che non vuol essere riduttivo, dell‘eterno Peter Pan.
    È stato, in conclusione, un percorso di conferma dell’autore che esprime il suo amaro sentimento della vita, dello scrittore alla ricerca di un’arte che possa creare una realtà parallela alla realtà vissuta, è riapparso il suo protagonista, Mattia Pascal , quando dice : “Ma la verità forse era questa: che nella mia libertà sconfinata, mi riusciva difficile cominciare a vivere in qualche modo [….] Ma la vita, a considerarla così, da spettatore estraneo, mi pareva ora senza costrutto e senza scopo…“.
    Prof.ssa Tania Rizzotti
    Prof.ssa Gaetana Rizzotti
  • Iscrizioni Classi Prime 2019-2020

    Le iscrizioni alle classi prime per l’a.s. 2019-2020 possono essere presentate esclusivamente mediante domanda on line, dalle ore 08:00 del 7 gennaio alle ore 20:00 del 31 gennaio 2019.

    La procedura informatica di accesso, disponibile sul portale del MIUR , è raggiungibile direttamente dall’indirizzo web http://www.istruzione.it/iscrizionionline/

    I genitori potranno accedere al servizio “Iscrizioni on line” utilizzando le credenziali fornite tramite la registrazione (che può essere avviata dalle ore 09:00 del 27 dicembre 2018).

    CODICI:

    CODICE ITST (Meccanica, Meccatronica ed Energia - Elettronica ed Elettrotecnica - Informatica e Telecomunicazioni): SRTF00901L

    CODICE ITSE (Amministrazione, Finanza e Marketing - Turismo) : SRTD00901A

    CODICE LSSA (Liceo Scientifico Scienze Applicate): SRTF00901L

    CODICE LSSA (Liceo Scientifico Scienze Applicate opzione quadriennale): SRTF00901L 

    Per offrire un supporto alle famiglie che trovano difficoltà ad inoltrare la domanda on line, la segreteria didattica sarà aperta:

    Ø  tutte le mattine dalle ore 10:00 alle ore 13:00;

    Ø  il martedì pomeriggio dalle ore 15:00 alle ore 17:00.

    Inoltre per informazioni inerenti l’iscrizione al primo anno saranno a disposizione dei genitori:

    - lo staff di presidenza  tutti  i giorni dalle 10.00 alle 13.00

    - la prof.ssa Anfuso Stefania, referente per l'orientamento, nei giorni di lunedì e giovedì dalle ore 9,00 alle 11,00.


     

  • IL MIO NOME È FRANCA

     

    AL RUIZ  STANDING OVATION PER LO SPETTACOLO TEATRALE
     “IL MIO NOME È FRANCA”

    Una mattina dedicata alla riflessione su una tematica sociale di forte attualità come la violenza sulle donne attraverso l’esperienza della rappresentazione teatrale.  E’ ciò che è avvenuto giovedì 29 novembre nell’Aula Magna dell’Istituto Arangio Ruiz dove è andata in scena Il mio nome è Franca, interpretato dalle attrici Arianna Miriam Scala,  dell’ Accademia Inda di Siracusa e Carmela  Buffa Calleo,  del Teatro Stabile di Catania. Spettatore d’eccezione il maresciallo dell’arma dei Carabinieri, Paolo Cassia, che ha  rappresentato le istituzioni del territorio.
    L’evento, organizzato dalla prof.ssa Giusi Lisi e dal Dipartimento di Diritto, è la terza ed ultima tappa  del percorso  di  sensibilizzazione contro  la  violenza  di  genere   promosso  dalla Dirigente scolastica, prof.ssa Maria Concetta Castorina, Infatti le assemblee di istituto del 23 e 24 novembre   hanno visto la presenza della missionaria Chiara Castellani, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne congolesi, mentre lunedì 26 novembre 2018 è stata la volta della presentazione del libro “Anonima” di Manuela Mannino ospite insieme al Lions Clubs di Augusta e all’Associazione Centro Antiviolenza NESEA.
    Gli studenti del Ruiz hanno assistito con concentrazione ed interesse alla performance delle bravissime attrici, uno spettacolo di teatro civile che, prendendo spunto dalla storia di Franca Viola, la prima donna siciliana a ribellarsi nel 1965 al matrimonio riparatore (il suo stupratore Filippo Melodia era un noto mafioso di Alcamo) vuole puntare i riflettori su tutte le anonime "Franca" meno famose e sparite nel nulle. Passando per il celebre monologo dell’attrice Franca Rame "Lo stupro", vittima di violenza sessuale nel 1973,  lo spettacolo crea, quindi, un percorso tra sei diverse e reali figure femminili che, senza retorica, raccontano allo spettatore la loro testimonianza diretta rispetto a ciò che ha per sempre modificato le loro vite. In una scena essenziale e povera, le due attrici hanno alternato risa e commozione, cambiando personaggio grazie a un semplice oggetto di scena: una scarpa, una camicia, un foulard, una vestaglia, simboli che evocano l'arrivo di una nuova donna, oggetti che trasportano la Storia nel teatro e viceversa.
    Alla fine dello spettacolo gli studenti, desiderosi di approfondire il tema, hanno rivolto tante domande alle due attrici, diventando così coprotagonisti di un importante momento educativo scaturito dall’incontro tra il teatro e la scuola, un’esperienza sicuramente da ripetere.


     

  • Il Ruiz trionfa ancora al Campionato Regionale di Orienteering

    Giovedi 24 Novembre  a Catania presso Villa Bellini si è svolta la terza giornata del Campionato Regionale di orienteering “ Palestra Verde” che ha visto partecipare più di 800 ragazzi di varie età provenienti da diverse province della Sicilia.
    Ancora una volta gli alunni del Ruiz hanno dimostrato di possedere una marcia in più conquistando i primi posti nelle classifiche delle tre categorie in cui hanno gareggiato, M16, W16, e M18.
    In particolare Eugenia Di Mauro e Ferrauto Vanessa hanno conquistato il primo e secondo posto nella categoria W16, Gabriele Di Mauro e Giuseppe Cosentino hanno fatto lo stesso nella categoria M16, mentre Carmelo Ferla ha conquistato il podio nella categoria M18, a poche posizioni di distanza da Mattia Marazia,  Giovanni Mirabella e Giuseppe Scaletta.
    I nostri ragazzi continuano a confermarsi ormai dei fuoriclasse, ma in particolare sono da sottolineare i risultati  degli alunni della 1L Q, che hanno tutti partecipato alla manifestazione sportiva a conclusione del modulo didattico di Orienteering svolto nelle ore curriculari di Scienze Motorie.
    Alessandro Casertano, Lorenzo Accardo, Lorenzo  Di Fazio e Simone Gaeta ,  pur essendo alla prima esperienza , si sono piazzati tra i primi dieci classificati, dimostrando di  essere le future promesse della nostra scuola in questa disciplina sportiva nuova per loro, che li ha subito conquistati per la peculiarità delle sue caratteristiche. L’orienteering infatti consente ai ragazzi di muoversi in piena libertà in armonia con la natura riappropriandosi degli spazi urbani aperti,, ormai poco fruiibili nella vita di tutti i giorni, dando la possibilità di  riscoprire siti del nostro territorio ormai poco frequentati.
    Con l’intento di promuovere la conoscenza del nostro territorio, si sta tentando do organizzare nel mese di Maggio prossimo una competizione di Orienteering proprio nel centro storico di Augusta. Speriamo che le Autorità Comunali ce lo consentiranno!!
    Per il momento il prossimo appuntamento sarà martedi 18 Dicembre nel meraviglioso cuore di Siracusa, Ortigia.


     

  • La Costituzione Italiana

Attivo dal 09 Maggio 2016.

STATISTICHE-MONITORAGGI

Attivo dal 09 Maggio 2016

NEWSLETTER

RISERVATO AL PERSONALE IN SERVIZIO NEL NOSTRO ISTITUTO
PER RICEVERE LE CIRCOLARI DIRETTAMENTE NELLA TUA E-MAIL ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DELLA NOSTRA SCUOLA

PROGETTI EUROPEI (PON)

LOGIN PER LE FAMIGLIE
TUTORIAL REGISTRO PER LE FAMIGLIE
LOGIN REGISTRO ELETTRONICO
LA NOSTRA SCUOLA E' AD IMPATTTO ZERO